Manchette
domenica 25 Settembre 2022
Manchette
Altro

    Conoscere e rilanciare le aziende confiscate alla mafia: via al progetto di Unioncamere

    Restituire alla società civile le imprese liberate dal giogo delle mafie, rilanciarne l’attività, creare le condizioni che rispondano ai principi di trasparenza, collaborazione e partecipazione quali elementi imprescindibili dello sviluppo sul tema delle aziende confiscate: sono gli obiettivi del progetto Open Knowledge che vedrà coinvolti un team di esperti di Unioncamere, delle agenzie del sistema camerale (Centro studi Tagliacarne e Sicamera) e delle 22 Camere di Commercio di Calabria, Campania, Puglia, Basilicata e Sicilia.

    «Il progetto OK, Open Knowledge – spiega il presidente della Camere di Commercio di Bari, Alessandro Ambrosi – risponde all’esigenza di maggiore e più capillare conoscenza delle informazioni e dei dati disponibili su quella importante variabile fenomenologica, attraverso la quale leggere il livello di infiltrazione mafiosa nell’economia rappresentata dalle aziende confiscate. Dati che ora, grazie all’interconnessione tra le banche dati dell’Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati e quelli delle Camere di commercio, e la collaborazione dell’Istituto Tagliacarne, consentono di aprire una visuale anche sulle caratteristiche delle aziende».
    Il portale https://aziendeconfiscate.camcom.gov.it è uno strumento completo e dettagliato su queste realtà sottratte alla criminalità, fortemente concentrate nelle regioni meridionali (quasi il 70%), nelle costruzioni e nel commercio (circa la metà) ma che operano anche settori di interesse pubblico, come la Sanità (16 aziende) e la fornitura di energia e acqua (63).
    Se queste aziende fossero restituite alla società civile, a livello nazionale la loro attività produttiva potrebbe crescere di quasi il 300%, l’occupazione del 5-10%, e ulteriori benefici a livello territoriale e lungo la filiera produttiva si otterrebbero dalla riattivazione del circuito economico di forniture.  
    Secondo i dati diffusi da Unioncamere in Italia ci sono 2.700 aziende confiscate che attendono di essere restituite alla società civile. Di queste 154 sono in Puglia, così ripartite: 58 a Bari, 22 a Brindisi, 13 a Foggia, 28 a Lecce, 33 a Taranto.
    Attraverso Open Knowledge saranno sviluppate azioni di animazione e formazione volte non solo all’illustrazione tecnica delle modalità di utilizzo dei dati e di navigazione del Portale “Open Data aziende confiscate” (ammesso a finanziamento nel quadro del PON Legalità 2014-2020), ma anche finalizzati a individuare e ad approfondire strumenti interpretativi di vario livello che consentano di comprendere appieno e utilizzare i dati per le attività di controllo, monitoraggio o valorizzazione delle aziende confiscate.

    - Inread Desktop -
    - Taboola -
    - Inread Mobile -
    - Halfpage Desktop -
    - Halfpage Mobile -

    Altri articoli