Manchette
sabato 1 Ottobre 2022
Manchette
Altro

    Dal 26 novembre musei e castelli a pagamento in Puglia

    A partire da venerdì 26 novembre l’accesso a musei, parchi archeologici e castelli gestiti dalla Direzione regionale Musei di Puglia sarà a pagamento.

    I luoghi d’arte e cultura diventano protagonisti del tessuto economico del territorio, attraverso l’introduzione di un biglietto d’ingresso: «Si tratta di un biglietto di dignità sociale – sottolinea il Direttore Regionale Musei della Puglia, Luca Mercuri – una forma di compartecipazione del pubblico alla salvaguardia della grande bellezza pugliese. Mi piacerebbe che i visitatori lo intendessero come un simbolico investimento».
    La Direzione ha intrapreso contestualmente una campagna informativa a promozione dell’intero territorio, per meglio valorizzare mete e luoghi dall’enorme potenziale attrattivo, predisponendo del materiale ad  hoc. In occasione dell’avvio delle biglietterie, infatti, sarà consegnato gratuitamente ai bambini un libricino da colorare sulle opere conservate nelle sale o relative alle collezioni permanenti di tutti i luoghi della cultura. L’album, con annessi pastelli in regalo, insieme ai pieghevoli riportanti informazioni utili ai visitatori su luoghi, orari e modalità di ingresso, saranno distribuiti anche grazie al supporto della rete territoriale delle Pro Loco.
    Sfruttando le moderne tecnologie e nel rispetto delle indicazioni precauzionali imposte dalla pandemia, sarà possibile acquistare il ticket online già da lunedì 22 novembre presso la sezione “biglietti” della pagina web della Direzione, o in alternativa, comprarlo in loco dal 26 novembre presso una postazione automatica per sola moneta digitale (bancomat e carta di credito).
    Nel dettaglio, diventerà semplice ed economico conoscere due siti vicini e fra loro tematicamente connessi, munendosi del biglietto cumulativo, unico e a tariffa agevolata, che collegherà diversi luoghi. Sono stati introdotti anche gli abbonamenti: con l’aggiunta di un euro al costo del biglietto di accesso, si potrà acquistare la Museo Card, una tessera che garantirà l’ingresso in quello stesso sito tutte le volte che si desidera, per un periodo di tempo di sei mesi.
    «Siamo convinti che l’introduzione del biglietto sia un meccanismo che responsabilizza il fruitore, lo educa al valore dei nostri beni culturali e lo induce a comportamenti attivi e virtuosi – conclude Mercuri -. È utile che i cittadini abbiano presente che la conservazione, la manutenzione, la valorizzazione dei nostri musei e aree archeologiche ha dei costi che in parte sono sostenuti proprio grazie agli incassi derivanti dai titoli di accesso».

    - Inread Desktop -
    - Taboola -
    - Inread Mobile -
    - Halfpage Desktop -
    - Halfpage Mobile -

    Altri articoli