Manchette
sabato 1 Ottobre 2022
Manchette
Altro

    Bari, primo sequestro di beni in inchiesta coordinata dalla Procura Europea

    I militari della tenenza della Guardia di finanza di Mola di Bari, coordinati dalla Procura Europea (European Public Prosecutor’s Office – Eppo), hanno eseguito il sequestro preventivo di 215.000 euro, a danno di un’impresa della provincia di Bari operante nel settore turistico alberghiero. L’azienda ha ricevuto contributi dall’Unione europea e dalla Regione Puglia, nell’ambito del Programma di sviluppo rurale regionale 2007-2013 – Fondo Feasr, destinati all’ammodernamento ed alla ristrutturazione di una struttura agrituristica alberghiera in territorio di Acquaviva delle Fonti ma, secondo la ricostruzione accusatoria, avrebbe perseguito obiettivi diversi rispetto a quelli a cui il contributo pubblico era destinato. Nello specifico, il titolare dell’impresa ha impiegato l’aiuto comunitario al fine di ristrutturare e collocare la struttura ricettiva sul libero mercato, prima del periodo di vincolo stabilito, conseguendo un illecito profitto quantificato appunto in 215mila euro. L’indagine, coordinata dalla Eppo, l’organo giudiziario dell’Unione Europea operativo dal 1° giugno 2021 e istituito con il compito di indagare e perseguire i reati che ledono gli interessi finanziari europei, ha portato alla denuncia di un imprenditore barese per il reato di malversazione a danno dello Stato e alla segnalazione per illecito amministrativo dipendente da reato. Il Tribunale di Bari, direttamente interessato dal Procuratore europeo delegato, ha emesso il decreto di sequestro preventivo, in via diretta o per equivalente, eseguito su dieci immobili e disponibilità bancarie nei confronti dell’imprenditore. E’ il primo provvedimento giudiziario di questo tipo in provincia di Bari. 

    - Inread Desktop -
    - Taboola -
    - Inread Mobile -
    - Halfpage Desktop -
    - Halfpage Mobile -

    Altri articoli