Manchette
giovedì 6 Ottobre 2022
Manchette
Altro

    Al Policlinico un caloroso omaggio per le famiglie dei bimbi nati prematuri

    In occasione della “Giornata mondiale della prematurità”, campagna di SIN – Società italiana di neonatologia e di Vivere onlus per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle nascite pretermine, al Policlinico di Bari le famiglie dei neonati prematuri ricoverati in terapia intensiva neonatale hanno ricevuto cappellini, scarpette e copertine viola, il colore scelto per la campagna, realizzate a maglia realizzati dalle associazioni “I folletti laboriosi”, No pain (Noi Per Aiutare i Neonati) fondata dall’avvocata Annamaria Colafati e dalle volontarie di “Cuore di Maglia”.

    I neonati pretermine sono quelli che vengono al mondo prima della 37ª settimana di età gestazionale, possono pesare meno di 1kg e le prime settimane di vita sono aggrappati alle cure specialistiche dei neonatologi.
    Nel mondo si stima che un bambino su 10 nasca prima del termine ed uno su 100 venga alla luce prima dei 7 mesi di gravidanza. I dati del Policlinico di Bari sono confortanti. I bambini nati tra il 2011 e il 2020 con un peso inferiore a 1,5 kg hanno registrato nella Terapia intensiva una percentuale di sopravvivenza del 90%.
    «I bambini nati prematuri possono stare in ospedale anche diversi mesi, alcuni non ce la fanno, molti hanno buoni esiti», spiega il prof. Nicola Laforgia, direttore del reparto di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Universitaria del Policlinico di Bari. «Questa giornata ci aiuta a far conoscere questo mondo, le difficoltà che si affrontano, ma soprattutto a costruire quel sistema di alleanze con i genitori di questi bambini che è fondamentale, perché la vera cura la fanno loro».
    Il prof. Laforgia ha voluto incontrare con il suo team e alcune associazioni anche i genitori dei bambini che non ce l’hanno fatta: «Riuscire a mantenere un rapporto con chi ha ricevuto un dolore più che una gioia dall’esperienza della genitorialità è la cosa più bella che ci può portare questo lavoro – spiega -. Abbiamo imparato tanto da loro. Sono l’esempio di quella alleanza terapeutica tra medico e paziente di cui tanto si parla. Se creiamo questo tipo di rapporto noi riusciamo ad avere dei risultati migliori di quello che ci si aspetta».
    Anche il Comune di Bari ha aderito alla Giornata mondiale della prematurità “colorando” di viola la fontana in piazza Moro.

    - Inread Desktop -
    - Taboola -
    - Inread Mobile -
    - Halfpage Desktop -
    - Halfpage Mobile -

    Altri articoli