Manchette
sabato 1 Ottobre 2022
Manchette
Altro

    Comitato ordine pubblico Canosa città più delittuosa

    Canosa resta il Comune con il più alto indice di delittuosità della Bat, seppure con un netto miglioramento rispetto al 2019. Il comitato provinciale itinerante per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal prefetto Maurizio Valiante ha diffuso i dati sull’analisi condotta sul Comune pugliese. Il 2021 ha visto una diminuzione dei delitti, calati del 7,1%, dei furti che segnano un meno 19,7%, delle rapine scese di oltre un terzo, dei danneggiamenti scesi del 28,6% e degli incendi diminuiti del 14,3%.  I dati evidenziano una generale diminuzione dei reati rispetto al 2019. Il 2020 ha rappresentato una sorta di stand by anche nella criminalità, in pausa a causa della pandemia. Quasi dimezzati i furti in abitazione (-43,9%), ridotti di un quarto quelli negli esercizi commerciali. Schizzano invece i reati legati allo spaccio di stupefacenti, aumentati del 266,7% anche in virtù di una intensificata attività investigativa in questo campo. “L’attenzione delle istituzioni e delle forze di polizia nei confronti del comune di Canosa di Puglia è sempre massima – ha spiegato il prefetto di Barletta Andria Trani Maurizio Valiante – proprio un anno fa avevamo riunito a Canosa il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, all’indomani di un episodio criminoso che aveva scosso la comunità locale, assicurando un potenziamento dei servizi di prevenzione e controllo del territorio da parte delle Forze dell’ordine”.

    Due le misure aggiuntive messe in campo, il protocollo “Mille occhi sulle città e sulle campagne”, realizzato in collaborazione con il Consorzio delle Guardie Campestri di Canosa e gli istituti di vigilanza al fine di potenziare le attività di controllo soprattutto nelle aree rurali. La seconda, “Scuole Sicure” un progetto con cui il Comune ha beneficiato di un finanziamento del Ministero dell’Interno di oltre 19mila euro per attività di prevenzione e contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti in prossimità delle scuole superiori di secondo grado. Infine stando alle parole del prefetto, nel 2022 dovrebbe vedere la luce un progetto congiunto tra i Comuni di Andria e Minervino Murge che dovrebbe portare “fondi ministeriali per attività di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nei luoghi della movida, nelle ore notturne dei fine settimane e nei periodi festivi ed estivo”.

    - Inread Desktop -
    - Taboola -
    - Inread Mobile -
    - Halfpage Desktop -
    - Halfpage Mobile -

    Altri articoli